3

Quando il mostriciattolo della tosse grassa ti assale

Posted by unaqualunque on 02/02/2011 in Varie |
Mostriciattolo

Mostriciattolo

Chi di voi in questi giorni non è incappato nella pubblicità dello sciroppo contro la tosse grassa?? Per capirci quella dove un tizio va a dormire ed a un certo punto arrivo sto mostriciattolo verde e gli salta addosso e iniziano a lottare..

Capisco che il contesto deve far capire a chi sta guardando la pubblicità, che la tosse grassa “è una brutta bestia”..ma da qui ad arrivare a  turbare i sogni dei nostri bambini ci vuole proprio poco!!

Il mostriciattolo è davvero una brutta copia di un nanetto verde e viscido che ti assale a tradimento la notte con attacchi in stile horror degni di un b-movie , per non parlare poi di quando finalmente il protagonista riesce a liberarsi della repellente creatura con un calcio e si vede lontano un miglio che si tratta di un pupazzo inerte e mal riuscito!(avevano finito i soldi per gli effetti speciali in computer grafica?)

Allora.. non ce l’ho con voi pubblicitari che state facendo il vostro lavoro.. però cerco di immaginare la scena in sala riunioni, dove una decina di capocce dell’ufficio marketing sta visionando lo spot in anteprima e alla fine decide che sarà approvato. Bello, sì decisamente un bello schifo!

Ma vi siete domandati che effetto avrebbe fatto sui bambini? Io potrei rispondervi e così altre centinaia di genitori che stanno approntando una campagna contro questa pubblicità che terrorizza i più piccoli!

Un consiglio spassionato.. da qualche anno esistono dei panel che servono proprio per  verificare il grado di apprezzamento del consumatore degli spot pubblicitari..cosa ne direste di ascoltare di più i consumatori tenendo (quando necessario) un po’ più a freno le fantasie dei creativi?

Ecco quindi uno nuovo spot da annoverare fra le “Pubblicità demenziali”

Tags: bambini, pubblicita demenziali

3 Comments

  • E’ facile pensare e dire che i bambini vedono di peggio. Che nei cartoni animati che guardano è pieno di mostri molto più spaventosi di quelli di actigrip. E’ sbagliato. Il bambino che guarda il cartone animato, da 6/7 anni in su è perfettamente consapevole che si tratta di disegni animati, del mondo della fantasia.
    Ma quando i mostri sono in un video che loro reputano per adulti, come la pubblicità, non riescono a pensare che sia una rappresentazione di fantasia, perchè per i bambini gli adulti non mentono, non guardano prodotti di fantasia.
    Quindi le pubblicità, che i bambini percepiscono come rappresentazione della realtà, devono essere molto attente a cosa mostrano ed ai messaggi che inviano.

  • Una Qualunque says:

    Non avrei saputo scrivere di meglio.
    Certo è vero che alcuni cartoni animati sono violenti e spaventosi, ma tu puoi evitare che tuo figlio di 3 anni veda quel genere di cartoni…diversamente non puoi evitare una pubblicità che ti appare nel bel mezzo di un pranzo,di una cena o addirittura di un cartone animato innocuo.

  • vincenzo says:

    Io potrei consigliare un cartone animato sulla tosse, ma educativo per far prendere più volentieri le medicine.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Copyright © 2011-2018 Pensieri Leggeri All rights reserved.
This site is using the Desk Mess Mirrored theme, v2.5, from BuyNowShop.com.